Il Libro
Lotta alla Povertà Educativa

Il Libro Rosso Vanvitelliano è una preziosa collezione illustrata dei Monodialoghi dell’Opera Rosso Vanvitelliano, format teatrale esclusivo ideato da Patrizio Ranieri Ciu che contraddistingue le teatralizzazioni di Ali della Mente, rappresentati per la prima volta proprio nelle Sale della Reggia di Caserta, con raffronto delle biografie dei personaggi che hanno segnato la storia della Campania tra XVIII e XIX secolo.

Voci solitarie di identità a confronto tra passato e presente legate da un doppio filo rosso vitale idealizzato: quello di un tempo splendente di vita a Corte vissuto da grandi personaggi come Luigi Vanvitelli, ispiratore etico e artistico ideale dell’intera opera, cui fa da contraltare quello torbido e violento della Rivoluzione, con le sue vittime e i suoi carnefici.

Storie di donne e uomini di indiscussa fama e di dimenticata memoria, di illustri natali e di misera condizione, di grande moralità e di ferina violenza, di provenienza diversa, come una finestra che si apre sul futuro, esempio o monito per le generazioni a venire.

Testi che ci portano in viaggio nell’animo di esseri umani che vissuti in epoche storiche diverse tra loro sono stati tutti vittime di condizioni o fautori di scelte che ne hanno determinato il vivere nel tentativo di sublimazione o viziato dall’abuso la cui dominante è sempre segnata dal colore Rosso: Rosso come il tramonto in cui Luigi Vanvitelli vide sorgere il suo principale capolavoro.

Per ordinare il Libro Rosso Vanvitelliano e supportare lo sviluppo del brand puoi scrivere alla mail alidellamente@gmail.com 

Il Percorso Formativo

Il Libro Rosso Vanvitelliano, promosso col prezioso coordinamento del dott. Flavio Quarantotto, già Ispettore MIUR, diventa oggi uno strumento per incidere significativamente sulla formazione dei giovani con la riqualificazione di una etica e di una morale che sia all’altezza dei tempi.

I Monodialoghi del Libro, in qualità di espressione dell’intimità del vissuto di personaggi epocali, si sono rivelati infatti emblematici per mostrare quanto velocemente muti nel tempo il contesto della storia ma non il sentimento dell’uomo se non viene posta in essere una reale qualificazione delle emozioni da vivere.

A fronte di un enorme progresso tecnologico si è reso evidente che dall’età dei Lumi al XXI secolo ciò che non è cambiato e che quindi, anche se in modo diverso, lo espone a ripetere gli errori del passato, è proprio la consapevolezza sentimentale dell’uomo. 

Il programma che a partire da questo testo, congiunto ad una precedente raccolta di Monodialoghi attuali si intende realizzare con i giovani delle scuole è un percorso di comparazione storica attraverso la parola teatrale, “emotivamente” coinvolgente che, corredato dal contributo scritto di figure esperte che commentano ciascun binomio da un punto di vista didattico, psicologico, sociologico ed in particolare  anche filosofico grazie al prezioso contributo del prof. Umberto Galimberti, presidente onorario di Ali della Mente, sia in grado di determinare nei giovani lo sviluppo di una leale coscienza del Sentimento, valore massimo sia inteso come contributo all’ “essere in comune” che all’ “essere con se stessi”.

In questo modo da Luigi Vanvitelli, colto in un momento di profondo dialogo con Dio, a rappresentare il valore della spiritualità, si arrivano a toccare, grazie alla dimensione universale del trattamento biografico di ogni doppio personaggio, temi di forte attualità quali bullismo, violenza di genere, emarginazione, diversità ma anche di importanza imperitura come l’amore, la libertà, il sogno ad evidenziare come la condizione interiore degli esseri umani dipenda dalla scelta di un percorso nobilitante di costruzione del sé, fuori di ogni contesto.

Il supporto tecnologico scelto per arrivare ai giovani è il Libro Digitale, creato dal Prof. Flavio Quarantotto, inedito software di lettura con contenuti multimediali d’ogni tipo e opportunità di interazione reale di allievi e docenti con i contenuti del testo. Applicazione ideale per consentire ai Monodialoghi di esprimere al massimo il proprio potenziale venendo corredati oltre che da immagini, musiche e collegamenti con approfondimenti storici, dai video delle recitazioni attoriali che consentono di “vedere all’opera” il personaggio e di poter cogliere meglio di conseguenza il significato di ogni parola nella sua versione interpretata. Il Libro Digitale è, inoltre, dagli studenti con note, confronti e segnalibri, inserimento di propri contenuti digitali e collegamenti con altri libri della stessa tipologia.

A conclusione del percorso, poi, una giornata di incontro e dibattito alla Reggia di Caserta, partner delle produzioni di Rosso Vanvitelliano, in cui un rappresentante per istituto scolastico possa esemplificare l’efficacia della forma di immedesimazione teatralizzante del “Monodialogo”, divenendone “protagonista” in quanto interprete ma anche “maestro” in quanto relatore raccontando, sulla base di un singolo testo, come è riuscito attraverso il percorso fatto a ritrovar sé stesso nello stato d’animo altrui, recuperando da una storia vissuta principi per una vita tutta da vivere.

Un’opportunità di connessione tra giovani, territorio, beni culturali e cultura del sentimento che realizza la missionsociale del Palazzo Reale, trasformandolo in incubatore di manifestazioni culturali, stabili e cicliche nel tempo, con cui progressivamente ogni giovane  possa conoscere “sentimentalmente” la storia del bene, fruire di una educazione teatrale, e promuovere una rinnovata identità utile a consolidare senso civico e d’appartenenza oltre che una particolare ricezione di un turismo culturale, qualificato e qualificante.

Rianalizzare il Sentimento per sviscerarne l’essenza in tutte le forme possibili anche nelle temibili conseguenze della sua mancanza, è allora l’obiettivo comune che unisce associazioni culturali, giovani startup innovative a vocazione sociale, Musei e Istituzioni per “fare” davvero Cultura, cioè contribuire al percorso nobile ed evolutivo dell’animo umano grazie al quale l’uomo, principalmente nella sua fase di crescita, può accedere agli strumenti di autocoscienza e autocritica necessari alla comprensione di sé stesso e del mondo circostante, presupposti fondamentali per una rivoluzione individuale e di conseguenza collettiva.